• +39 0331 544358
  • ualz.legnano@gmail.com

Benvenuti nel sito di UALZ

L’EUROPA E LE MIGRAZIONI

Non possiamo non riflettere sull’ondata migratoria che da “emergenziale” sta diventando fenomeno stabile, come non possiamo non interrogarci sui cambiamenti che essa produrrà sul futuro del nostro Paese e del nostro continente. Escludendo ogni valutazione politica, ci proponiamo di considerare il problema principalmente sotto il profilo storico. Il richiamo al passato è spesso utilizzato con superficialità o con valenza strumentale dai mass media.

Partiremo, perciò, dalla storia per ricavarne informazioni “certe”, parametri confrontabili, metodologie che ci aiutino a ragionare meglio sul presente. Per questo ascolteremo demografi e operatori del settore.

Il corso, per il suo carattere interdisciplinare sarà tenuto da diversi docenti ed esperti, tra cui Bianchi, Breda e da testimoni del fenomeno.

Migrazioni e colonie dell’antica Grecia. Dalla civiltà micenea alla formazione dell’identità dei Greci attraverso i momenti salienti della migrazione dei Dori e della conseguente ricerca di nuove terre al di fuori della penisola ellenica.

Migranti o invasori? I “barbari” e Roma. Se Roma è un esempio di riuscita e sistematica integrazione fra diversi popoli, la caduta dell’Impero è legata profondamente alla pressione delle popolazioni germaniche ai confini. Ma si trattò davvero di “invasioni barbariche”?

Le migrazioni nel Medioevo: Normanni e Saraceni. Nella prima metà del Medioevo l’assetto etnico, demografico e religioso-culturale dell’Europa è stato stravolto nuovamente dai grandi movimenti migratori di due popolazioni destinate a lasciare il segno: i Normanni della Scandinavia e i Saraceni musulmani.

Dall’Europa al mondo. La fine del Medioevo e l’inizio dell’Età Moderna hanno segnato uno dei momenti di emigrazione più intensa delle popolazioni europee, tecnologicamente capaci di spostarsi alla conquista delle nuove, grandi terre appena scoperte dell’America e dell’Asia

Dall’Italia al mondo: le migrazioni degli Italiani tra l’Otto e il Novecento.

Il fenomeno in corso: cause, fattori predisponenti

Come cambierà la società europea?   

Numero max partecipanti al corso: 120
Quota di partecipazione € 30.00