• +39 0331 544358
  • ualz.legnano@gmail.com


Dettaglio eventi


Evento mostra

 

In settembre abbiamo esplorato tutta l’offerta di mostre d’arte programmata in Italia per il periodo che coincide con il nostro a.a. 2018/19 con l’intento di costruire un calendario da comunicarvi subito per facilitare le vostre scelte.

Abbiamo selezionato gli eventi che ci apparivano più interessanti per proposta culturale e significatività dell’allestimento, purché agevolmente raggiungibili da Legnano.

Siamo fortunati : le iniziative di maggior contenuto e richiamo sono a Milano. Proprio per queste loro caratteristiche le prenotazioni sono state aperte con notevole anticipo.

Abbiamo quindi organizzato la nostra prima uscita

 

 Margherita Sarfatti:

segni, colori e luci a Milano

 

31 ottobre 2018   –   Museo del Novecento Milano

La visita guidata con microfonaggio, della durata di 90 minuti, oltre alla mostra comprende un percorso alle principali opere della collezione permanente del Museo.

La data scelta permetterà ai soci di poter usufruire di un’altra interessante occasione di incontro con l’arte e la storia (ed anche con la buona cucina) vale a dire la gita al “Sacro Monte di Belmonte e Castello di Masino” organizzata dalla “Segreteria attività esterne”

Costo :  € 17,00 per i visitatori over 65

                € 19,00 per gli altri visitatori

                (comprende guida, servizio microfonaggio ,biglietto d’ingresso)

 

Iscrizioni e Saldo si potranno effettuare presso la sede Ualz

dal 24 settembre      al 9 ottobre 2018 precisando eventuali preferenze di orario.

 

Ritrovo: direttamente davanti all’ingresso della mostra almeno 15 minuti prima dell’orario d’entrata:

  • Ore 14.30 primo ingresso      ( ritrovo ore 14.15)
  • Ore 15.00 secondo ingresso  ( ritrovo ore 14.45)

 

Venerdì 26 ottobre 2018 alle ore 16.00, presso la sede Ualz di Via Calatafimi 1 – Legnano, la docente Annunciata Razzini terrà l’incontro di preparazione alla mostra.

 

 

Margherita Sarfatti fu un’intelligente ed intraprendente protagonista della vita culturale e politica italiana tra le due guerre mondiali.

La mostra a lei dedicata ci preparerà a comprendere meglio quell’epoca (e quindi anche i due artisti, Carrà e Picasso che incontreremo rispettivamente nei mesi di dicembre e di gennaio) con “un percorso immersivo attraverso circa 90 opere dei principali protagonisti del movimento artistico Novecento Italiano, di cui la Sarfatti è l’anima critica. Dipinti e sculture di 40 artisti tra cui Boccioni, Borra, De Chirico, Funi, Malerba, Sironi e Wildt vengono contestualizzati da filmati e fotografie, lettere”, oggetti e arredi d’epoca che ricostruiscono quella Milano in cui Margherita tenne un salotto in Corso Venezia, frequentato da tutta l’intellighenzia e il potere del momento.

Fu a Milano, collaborando con l’Avanti, che la Sarfatti conobbe il giovane Mussolini e lo introdusse nella “ società bene”. Fu lei a modellarne l’immagine pubblica e a farla conoscere nel mondo, come rappresentazione di una “moderna classicità”. Per questo subì un lungo ostracismo nel dopoguerra.

A Margherita dedica contemporaneamente un percorso espositivo, complementare ma autonomo, anche il MART ( Museo d’Arte moderna e contemporanea) di Rovereto che ne conserva il prezioso “Fondo Sarfatti”.

Annunciata Razzini e Renata Martignoni

 

Iscrizione
Newsletter