• +39 0331 544358
  • ualz.legnano@gmail.com


Dettaglio eventi

  • Data:
  • Categorie:

Georges de La Tour

“L’Europa della luce”

 

Nel mese di marzo proponiamo la visita guidata alla mostra “Georges de La Tour. L’Europa della luce”  che si tiene a Palazzo Reale, Piazza Duomo 12 – Milano. La mostra è promossa dal Comune di Milano Cultura, da Palazzo Reale e da Mondo Mostre Skira ed è curata da Francesca Cappelletti

 

La visita guidata alla mostra si svolgerà  martedì  31 marzo 2020

con ritrovo direttamente davanti all’ingresso della mostra  15 minuti prima dell’orario d’entrata:

 

  • Ore 14.30 primo ingresso       ( ritrovo ore 14.15)
  • Ore 14.50 secondo ingresso   ( ritrovo ore 14.35)

Costo € 20.00

 

Iscrizioni e Saldo si potranno effettuare presso la sede Ualz dal 12 al 20 febbraio 2020 precisando eventuali preferenze di orario.

  

Venerdì  20 marzo 2020 alle ore 16.00, presso la sede Ualz di Via Calatafimi 1 – Legnano, la docente Annunciata Razzini terrà la preparazione alla mostra.

 

La mostra “Georges de La Tour. L’Europa della luce” a Palazzo Reale a Milano presenta al pubblico italiano uno dei più importanti interpreti della pittura del Seicento, divenuto celebre per i suggestivi effetti luministici delle sue scene a lume di candela. Il principio della luce, inteso come elemento unificante della composizione, rappresenta infatti il tratto caratteristico dell’arte del pittore francese la cui ricerca è stata sempre messa a confronto, nella storiografia critica e nella percezione del grande pubblico, con l’arte di Caravaggio, con il quale Georges de La Tour condivide inoltre la predilezione per soggetti umili e corpi imperfetti. Ancora oggi ci si interroga sulla singolare coincidenza dei soggetti di La Tour con quelli di Caravaggio: bari, zingare, la Maddalena isolata….motivi che tuttavia potevano anche essere stati divulgati dalle copie o da altre fonti nordeuropee.

La sua pittura è caratterizzata da un profondo contrasto tra i temi “diurni”, crudamente realistici, che ci mostrano un’esistenza senza filtri, con volti segnati dalla povertà e dall’inesorabile trascorrere del tempo e i temi “notturni” con splendide figure illuminate dalla luce di una candela: modelli assorti, silenziosi, commoventi. Un potente contrasto tra il mondo senza pietà dei diurni e la compassionevole rappresentazione delle scene notturne.

Dipinti che conservano il segreto della loro origine e della loro destinazione. Come rimane un mistero la formazione del pittore, compresa la possibilità o meno di un suo viaggio italiano. 

 

Allestita in cinque sezioni tematiche incentrate su singoli soggetti iconografici e su argomenti come il viaggio dei pittori fra l’Italia e il Nord, la mostra “Georges de La Tour. L’Europa della luce” pone la vicenda biografica e artistica del pittore francese al centro di una riflessione sulla pittura dal naturale che prende vita in una serie di confronti tra dipinti dalle sperimentazioni luministiche davvero sorprendenti ed emozionanti.